Antonomasia

È una figura retorica che consiste nell’usare un nome comune caratterizzante al posto di un nome proprio, o viceversa un nome proprio caratterizzante al posto di un nome comune (sei un Casanova).
Tante volte si usa la locuzione “per antonomasia” come sinonimo di “per eccellenza”, comunque con intento di esagerazione e/o banalizzazione. Ed è proprio la locuzione che ci intriga particolarmente stasera.

Le stronze per antonomasia: le mogli. Sgombriamo il campo dalle comprensibili pruderie convenendo sul fatto che stronze è sì una parolaccia, ma preferiamo considerarla un parlare politicamente scorretto tanto ne è frequente l’uso, e comunque nella fattispecie è niente di più e niente di meno di quanto necessario.

Effettivamente l’intento di esagerazione e banalizzazione è evidente, così come il fondo di verità lampante e solare che non faticheranno affatto a riconoscere molti uomini e molte donne (nessuno infatti più delle donne sa quanto siano stronze le donne a prescindere dallo stato civile di nubili o convolate a giuste [?] nozze).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...